AAP su proposta di Legge USA

Un articolo di David Kirby sul blog dell’Huffington Post che racconta la posizione dell’Accademia dei Pediatri Americana (AAP) su uno nuova proposta di legge.

Prima le brutte notizie: se a leggere questo articolo è una donna incinta sappia che, secondo il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), ci sono 1 possibilità su 166 che suo figlio sviluppi l’autismo. Se sarà un maschio, le chance salgono ad 1 su 80, mentre se saranno gemelli arriviamo al 50%.
Queste le notizie peggiori: a quanto pare l’Accademia dei Pediatri non vuole che il Congresso (il Parlamento Americano) faccia nulla per questo.
Considerate questo: c’è un progetto di legge presentato al Congresso,The Combating Autism Act, un piano per combattere l’autismo che potrebbe autorizzare l’uso di fondi federali per 860 milioni di dollari in cinque anni per consentire screening, interventi, informazione e ricerca – compreso un raddoppio dei fondi per l’autismo al NIH. Si tratta di una pietra miliare di legislazione bipartitica, creata con grande impegno dal Sen. Rick Santorum (R-PA) e dal Sen. Chris Dodd (D-CT).
La proposta di legge è stata sottoscritta da tutte le più grosse organizzazioni per l’autismo in America (un fatto di per se importantissimo) ed è stata promossa da cittadini molto autorevoli come il Presidente della NBC Bob Wright e sua moglie Suzanne, foundatori di Autism Speaks, e da Deirdre Imus, una donna impegnato per la salute ambientale di tutti i cittadini e moglie del pungente presentatore televisivo.
Con l’appoggio di tali personaggi, è facile che pensiate che questa legge arriverà velocemente all’approvazione del Congresso. E avrete pensato anche che l’Accademia Americana dei Pediatri — i cui membri affrontano ogni giorno l’autismo– si sarebbe impegnata allo spasimo perchè questa legge passasse. Ma avete sbagliato!!
A Gennaio un lmembro dell’Accademia dei Pediatri disse ad un piccolo gruppo riunito a Washington per un meeting privato sulla legge, che l’Accademia stessa non poteva e non avrebbe supportato la proposta. Perchè no? Perchè essa destinava milioni di dollari ad una “ricerca ad un largo numero di fattori ambientali che hanno un possibile ruolo nell’autismo, compresi ma non limitati ai vaccini, altri prodotti biologici e farmaceutici e loro componenti (conservanti compresi).”
In altre parole, il Congresso voleva studiare il thimerosal – il conservante a base di mercurio contenuto nei vaccini e possibile contributore ad alcuni casi di autismo- e ciò rendeva la forte Accademia dei Pediatri molto, molto insoddisfatta.
“Non daremo il nostro appoggio a qualunque legge che contenga qualche domanda sui vaccini” disse un membro dell’Accademia al gruppo. “Non c’è assolutamente alcun legame tra thimerosal e autismo. Punto. Appoggiare la legge implicherebbe che questa sia una domanda che rimane aperta, e non è così.”
“Il punto cruciale” continuò il membro dell AAP in un silenzio sbigottito, “è che non vogliamo si studi e approfondisca questo. Sarebbe un’inappropriata perdita di preziosi dollari per la ricerca in qualcosa che noi già sappiamo essere confutato”.
Sembrerebbe allora che i pediatri non avevano ricevuto il memoriale della CDC. In Atlanta si sta approfondendo molto il rapporto thimerosal ed autismo, dato che i funzionari del National Institutes of Environmental Health Sciences (NIEHS), hanno sovvenzionato e pubblicato due studi significativi su questo tema. Uno dimostrava che il mercurio dal thimerosal si accumula rapidamente nel cervello di primati neonati (dopo essersi convertito in mercurio inorganico) mentre l’altro mostrava che pochi minuti di esposizione con anche minuscole quantità di thimerosal possono danneggiare le cellule dendritiche, causando disfunzioni immunitarie e infiammazione indotta da citichine, condizioni che sono entrambe riscontrate nell’autismo. Altre ricerche continuano ad essere condotte presso le Università Statali di Harvard, in Columbia, Northeastern e Arizona, dove si sta concludendo la prima prova mai fatta sulla terapia chelante (rimozione dei metalli tossici) nell’autismo.
Perciò mentre numerosi esperti stanno ancora cercando risposte, L’Accademia Americana dei Pediatri dice “Stop.”

Un portavoce dell’Accademia si sarebbe limitata a dire “L’ AAP non ha preso una posizione sulla legge” senza specificare quando o come è stata presa questa decisione. Per essere giusti, c’è un lungo e complicato processo che si attiva quando l’accademia decide di appoggiare una legge, e le esternaziuoni private di alcuni di loro non eguagliano la linea di condotta dell’AAP. Ma il silenzio ufficiale dei pediatri rivolto ad una legge che è così importante per i suoi stessi costituenti è in vero un pò sconcertante. La loro mancanza di appoggio al provvedimento – ricerca sul thimerosal o no – è davvero difficile da giudicare. Se, come asserisce l’accademia, il thimerosal è perfettamente sicuro da iniettare in neonati e donne incinta – anche in minime quantità – allora questa ricerca federale lo dimostrerebbe. Forse l’accadema sottoscriverà la legge alla fine, ma non ci scommetterei. Uomini di Capitol Hill staffers mi dissero che il Senatore Dodd aveva intimidito l’Accademia chiedendole di rimanere neutrale. Loro volevano opporsi in maniera forte.
Siamo davvero in un mondo che gira alla rovescia quando i medici dei bambini non supportano la ricerca statale per una terribile malattia che colpisce i bambini. Ma, non è la prima volta che ironia ed Accademia dei Pediatri si incrociano. Anche se bravi medici hanno abbracciato cause federali per limitare l’emissione di mercurio dalle centrali a carbone – lamentando che i metalli pesanti tossici sono pericolosi per i feti ed i neonati – . questi hanno poi cooperato con sezioni locali per combattere leggi statali che volevano eliminare il mercurio dai vaccini. L’anno scorso, una sezione locale dell’AAP di New York ha spronato il Governatore Pataki a porre il veto a quella legge statale affermando che avrebbe potuto portare ad una carenza di vaccini antinfluenzali. Lui la firmò lo stesso. (i produttori di vaccini antinfluenzali, peraltro, sarebbero subito pronti a mettere sul mercato i vaccini antinfluenzali senza mercurio necessari se solo il CDC lo chiedesse, cosa che inesplicabilmente non fa).
L’Accademia Americana dei Pediatri ha di recente mandato una lettera alle sue sezioni locali offrendo aiuto, “Se il vostro stato sta considerando di eliminare il thimerosal dai vaccini.” Ha anche fornito un elenco di numeri di telefono e di indirizzi email di un suo dirigente, Ian Van Dinther, che può supportare le sedi locali con “ulteriori risorse legislative sul problema.”
In altre parole ragazzi i vostri medici di famiglia hanno un messaggio per voi “Zitti e prendete le vostre medicine.”
 

AAP su proposta di Legge USAultima modifica: 2008-12-26T15:57:47+00:00da odf
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento