Science news 27.04.2005

http://www.emergenzautismo.org/content/view/69/48/

Science news 27.04.2005

I ricercatori sanno da molto tempo che il mercurio incrementa la mortalità ed interferisce con la riproduzione nei pesci, ma i processi metabolici fondamentali sono ancora sconosciuti. Nuovi studi pubblicati sul sito del ES&T Research ASAP, aiutano a scoprire alcuni dei misteri, esaminando quali geni entrano in gioco quando i pesci sono nutriti con il mercurio (MeHg). Mentre molti geni si attivano nei muscoli e nel fegato per aiutare ad immagazzinare e smaltire il metallo, il cervello appare senza difese accumulando alti livelli di mercurio. Questo porta i ricercatori a credere che i tessuti neurali potrebbero essere incapaci di difendersi da questo composto tossico.
“E’ stata una grande sorpresa scoprire che i geni nel cervello non rispondo a questo insulto” afferma l’autore dello studio Jean-Poul Bourdineaud, professore di biochimica dell’università di Bordeaux (Francia). Ricerche precedenti hanno mostrato che il mercurio, può causare lesioni cerebrali, e un recente studio ha scoperto che MeHg può diminuire la densità dei neurotrasmettitori nelle lontre che consumano pesce avvelenato dal mercurio.(Environ. Sci. Technol. 2005, 39, 218A)
I pesci esaminati era alimentati con cibo contenente mercurio in concentrazione simile a quello trovato nel pesce selvatico (Environ. Sci. Technol. 2002, 36, 877-883). Tredici geni che codificano proteine sono implicati in differenti funzioni come la difesa antiossidante, la chelazione dei metalli, la riparazione del DNA, e la morte delle cellule. “Testare questa gamma di geni ci fornisce un quadro tossicologico degli effetti del mercurio,” afferma Bourdineaud.
Per esempio, il gene che codifica la proteina superoxide dismutase, un’antiossidante, ne produce più nel muscolo, indicando che il mercurio sta causando stress ossidativi. Bourdineaud afferma che studi non pubblicati dal suo laboratorio hanno anche osservato che il mercurio può diminuire l’attività mitocondriale nelle cellule e decrementare la respirazione nel muscolo di circa il 50%.
Nel fegato, il mercurio si accumula rapidamente nella prima settimana, ma la concentrazione più tardi inizia a scendere. “La detossificazione nel fegato non è stata una sorpresa,” afferma Mark Sandheinrich, un professore di biologia dell’università del Wisconsin. ” questo ci suggerisce che il mercurio sta iniziando ad essere convertito nella forma inorganica e sta cominciando ad essere nascosto.”
Comunque, il cervello ha mostrato livelli a volte doppi rispetto agli altri tessuti ma nessuna attività dei geni. ” Io ritengo che questo ci dice quali effetti neurologici il mercurio potrebbe avere poiché il cervello non ha un’abilità inerente a smaltire il mercurio e combattere la tossicità del metallo” afferma Sandheinrich. — PAUL D. THACKER

 

Science news 27.04.2005ultima modifica: 2008-12-26T15:45:26+00:00da odf
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento